La Sardegna è un gioiello naturale situato nel bel mezzo del Mediterraneo occidentale, che al suo interno custodisce invidiabili tesori e una flora dal carattere unico. L’isola è considerata da molti un paradiso balneare, le cui acque sono fra le più cristalline d’Europa, ma essa possiede anche incantevoli montagne, boschi e pianure, per non parlare delle specialità enogastronomiche che attirano gran parte dei suoi visitatori!

Terza regione italiana per superficie, dopo Sicilia e Piemonte, la Sardegna è una delle cinque regioni a statuto speciale, e la sua storia è tutt’oggi misteriosa sotto alcuni aspetti, come testimoniano i famosi “nuraghi” (antiche rovine in pietra a forma di alveare) risalenti all’Età del Bronzo.

Una vacanza in Sardegna vi renderà sicuramente molto soddisfatti, in qualunque parte dell’isola decidiate di trascorrerla, ma vediamo quali sono le migliori zone dove scegliere l’alloggio e dove conviene sostare.

Dove dormire in Sardegna in vacanza

Alloggiare nel nord della Sardegna

Le città più grosse e interessanti situate nel nord dell’isola sono: Alghero, Sassari e Olbia.

Spesso associato alla famosa Costa Smeralda, forse la zona più conosciuta e frequentata dal turismo d’élite, il nord della Sardegna custodisce spiagge meravigliose, e durante l’alta stagione anche molto affollate. Ma la Sardegna è un’isola tutta da scoprire, e infatti oltre alle destinazioni più famose come Porto Cervo e Porto Rotondo, qui si incontrano altri paradisi naturali come:

  • la Gallura;
  • la Costa Paradiso;
  • il Parco dell’Arcipelago della Maddalena.

Le tre città settentrionali citate sopra sono tutte degli ottimi punti di partenza per esplorare la zona, ma anche delle interessanti mete turistiche:

  • Alghero, situata sulla costa nord-occidentale, è caratterizzata da un’architettura catalana in stile gotico e dalle antiche mura;
  • Sassari, poco più a est nell’entroterra, con le sue numerose chiese e piazze presenta una storia antica e affascinante;
  • Olbia, situata invece sulla costa nord-orientale, è nota per i numerosi siti archeologici di periodo nuragico che la circondano.

Alloggiare in una di queste città durante l’alta stagione vi costerà minimo 100 euro a notte per una camera doppia, ma ricordate che è consigliabile prenotare con molto anticipo. Se volete invece godervi questa fantastica zona dell’isola in un periodo meno affollato, sicuramente anche i prezzi degli hotel saranno più economici!

Dormire nel sud della Sardegna

Il sud della Sardegna è dominato dal suo capoluogo, Cagliari, che sorge al centro della costa meridionale: oltre al Castello, il famoso quartiere fortificato situato sulla collina, la città offre interessanti musei, come quello archeologico, e affascinanti opere architettoniche, come la Cattedrale del XIII secolo.

I prezzi degli hotel qui sono molto variabili considerata l’importanza anche amministrativa della città, ma quest’ultima rappresenta sicuramente un’ottima base dalla quale esplorare il sud dell’isola.

All’estremità sud-orientale si trova invece il comune di Villasimius: molto noto per la varietà di località turistiche che si trovano in quest’area, come le spiagge di Porto Giunco e di Punta Molentis, Villasimius e dintorni sono una destinazione molto battuta, ma prenotando col dovuto anticipo è possibile godersi le incantevoli spiagge che la caratterizzano.

Sempre sulla costa meridionale, ma dal lato occidentale, sorge la Baia di Chia, anch’essa molto rinomata come località balneare della Sardegna. Leggermente più selvaggia, Chia vanta spiagge meravigliose e talvolta molto affollate, come Il Porticciolo o Cala Cipolla, e alloggiare in questa zona può essere piuttosto costoso.

Dormire nel centro della Sardegna

La zona centrale della Sardegna è quella più selvaggia e meno battuta dal turismo di massa, e ha un carattere prevalentemente montuoso, simboleggiato dal Gennargentu, la famosa montagna sarda.

Dal lato orientale si trova la provincia di Nuoro, nota sia per la varietà di flora e fauna che regalano la possibilità di godersi numerose escursioni, sia per le ricchezze archeologiche come il nuraghe “Orolo” e le Tombe dei Giganti Madau.

Sulla costa centro-occidentale si trova invece la affascinante Oristano, città ricca di storia e dall’atmosfera molto piacevole: situata nella ventosa pianura del Campidano, Oristano ha origini medievali e possiede numerosissime opere di architettura religiosa.

I prezzi degli hotel nella parte centrale della Sardegna sono sicuramente inferiori rispetto al resto dell’isola, essendo una zona meno turistica ma comunque un ottimo punto di partenza se si vuole esplorare l’isola.

Mappa della Sardegna

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata