“Alberghi che si caratterizzano per la loro atmosfera intima e lo stile non convenzionale. Si distinguono dagli hotel delle grandi catene per le piccole attenzioni che riservano agli ospiti e per design ed arredamenti in tema.” Così vengono definiti i cosiddetti “boutique hotel”, comparsi sulla scena dell’accoglienza alberghiera per la prima volta nella New York degli anni ‘80.

Essendo relativamente un nuovo concetto di hotel, la categoria dei “boutique hotel” si delinea attraverso caratteristiche ben precise: vediamo dunque quali sono e come si presentano questi hotel di tendenza.

Fate attenzione che alcune strutture si autodefiniscono boutique hotel, ma in realtà non offrono alcun valore aggiunto rispetto ad un normale hotel. In questo articolo vediamo come riconoscerli.

Boutique Hotel: caratteristiche principali e come riconoscerli

Design dei boutique hotel

design boutique hotel

Una caratteristica fondamentale dei “boutique hotel” deve senz’altro essere l’unicità, ossia dare l’idea di essere una struttura di forte personalità e con elementi che la contraddistinguono in maniera assoluta. Talvolta viene usato l’effetto sorpresa, per esempio inserendo in un determinato contesto un elemento inaspettato, che spesso e volentieri può essere una componente di design. Quest’ultimo è infatti un altro importante ingrediente per la buona realizzazione di un “boutique hotel”, e che si lega fortemente al concetto di unicità: che si parli di arte, di tecnologia o semplicemente di stile, un’ambientazione di design fa sì che la struttura trasmetta al cliente la sensazione di trovarsi in un luogo ricercato e dalle caratteristiche uniche.

Il carattere, generalmente dai tratti eleganti, rappresenta un altro elemento di personalità di un “boutique hotel”, ossia la particolarità e la creatività che definisce e differenzia ciascuno di essi. 

Dimensioni dei boutique hotel

Un’altra caratteristica fondamentale di un ”boutique hotel” è rappresentata delle dimensioni: generalmente piuttosto ridotto, in un hotel di questo tipo si parla di un numero di stanze che varia da 10 a 50. L’idea infatti è quella di suscitare una sensazione di intimità nel cliente, che si deve sentire coccolato, come se fosse ospite in una elegante residenza. Naturalmente le dimensioni ridotte consentono di focalizzarsi meglio sui dettagli, aspetto fondamentale per trasmettere unicità e personalità alla struttura. 

Arredamento dei boutique hotel

Un giusto espediente utilizzato da molti “boutique hotel” per conferire personalità alla propria struttura, è quello di “sfruttare” la cultura locale per donare un’atmosfera particolare, dettata da uno stile che rimanda fortemente alle usanze, allo stile o all’arte tipiche del luogo dove si trova.

Servizio nei boutique hotel

Di estrema importanza è la qualità del servizio: il cliente di un “boutique hotel” vuole sentirsi coccolato da un servizio personalizzato, che non lascia nulla al caso. In un certo senso ogni cliente deve essere studiato e l’approccio del servizio nei suoi confronti deve essere, ancora una volta, unico.

Talvolta il cibo servito nel ristorante dell’hotel, ricercato, spesso associato alla tradizione locale e servito in un’ambientazione elegante e confortevole, gioca un ruolo molto importante nel delineare un servizio indimenticabile e di qualità.

Tipologia di clientela nei boutique hotel

Infine, come è facile immaginare, il target della clientela dei “boutique hotel” è solitamente ben studiata da ogni singola struttura, che per regalare tutto questo senso di unicità e ricercatezza deve ritagliarsi una tipologia di ospite ben preciso.

La parola chiave che contraddistingue un “boutique hotel” è dunque “l’esperienza” che vive il cliente, più che l’ospitalità in senso generico: l’attenzione per i dettagli, la qualità del servizio e la personalità della struttura devono riuscire a suscitare delle emozioni particolari e quindi a far vivere all’ospite un’esperienza unica.

Dove troviamo i boutique hotel

Ma dove si trovano questi hotel? Naturalmente la location rappresenta un altro elemento importante nella definizione di un “boutique hotel”: il fatto di trovarsi in un luogo suggestivo piuttosto che particolare, valorizza ulteriormente la caratteristica esperienza che queste strutture offrono ai propri ospiti. Che sia in una zona di tendenza di una città, o immerso in una cornice naturale particolarmente affascinante, la cosa importante è che l’hotel susciti stupore e senso di unicità! 

Esempi di Boutique Hotel

Ormai molto diffusi in tutto il mondo, tra i “boutique hotel” più rinomati d’Europa ce ne sono alcuni dalle caratteristiche particolarmente rilevanti, facciamo qualche esempio di questi alloggi molto interessanti.

  • Orsett di Londra: con le sue 17 camere e il suo club privato vanta un grande stile; il prezzo di una doppia parte da 135 euro.
  • Boutique Hôtel Konfidentiel , a Parigi, chic e romantico allo stesso tempo; doppie da 130 euro.
  • Arte Luise Kunsthotel di Berlino, dove si dorme in una vera e propria galleria d’arte; qui il prezzo di una doppia parte da 100 euro.
[Voti: 1   Media: 5/5]

A proposito dell'autore

Siamo in viaggio da più di 10 anni e viaggiamo sempre. Sia per lavoro che per vacanza. Non abbiamo un posto fisso dove stare, quando ci stufiamo facciamo le valigie e partiamo alla scoperta di luoghi nuovi. Vogliamo condividere i nostri consigli per alloggiare in modo strategico sia in Italia che in Europa.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata